Ristrutturazione del Teatro. In Veneto tra Auditorium e Scuola di Musica

Il progetto di ristrutturazione del Teatro di Tolmezzo, in Provincia di Udine, degli Architetti Schiavi Camporini, si pone l'obiettivo di separare l’Auditorium esistente dai contigui spazi della scuola di musica

Il primo lotto prevede il rifacimento di tutte le coperture; il secondo i lavori all’interno della sala: l’adeguamento normativo, l’inserimento di nuovi impianti U.T.A. e elettrici, il ridisegno architettonico della sala dell’auditorium

Il soffitto è stato rivestito con pannelli in legno per la riflessione acustica e l’isolamento mentre le travi reticolari esistenti sono state ridipinte allo scopo di farle esteticamente “sparire”

L’illuminazione a soffitto é strumentale al percorso tra le due ali di sedute, mentre le pareti laterali della sala sono completate da un sistema complesso di moduli acustici/illuminanti, di forma variabile a seconda della posizione e della riflessione sonora voluta, con rivestimento in legno sfibrato e luce indiretta. Le poltroncine sono originali per il nuovo teatro, sia nella realizzazione e nuova disposizione che per lo studio del logo identificativo del nuovo teatro. Il piano dei camerini è situato sotto alla scena, collegato con scala di servizio e servo scala, dotato di sala prove , attrezzi, servizi

Il terzo lotto completa il teatro con la definizione dell’ampliamento del foyer con attrezzature e spazi per un’area bar, guardaroba, bancone reception, vano quadri elettrici, stazione operativa VV.F., con il recupero funzionale dei soppalchi esistenti come sale espositive e prove, la messa a norma dei collegamenti verticali e dei servizi igienici, la realizzazione delle compartimentazioni e la messa a norma degli impianti tecnologici oltre alla dotazione di un magazzino esterno all’attività, collocato al piano interrato e al trattamento intumescente delle strutture metalliche della scena. Viene completato il sistema dell’ingresso principale, sia dal punto di vista dell’immagine referenziale di accoglienza che della funzionalità delle uscite

Gli spazi di ingresso sono divisi, una hall con la biglietteria e un foyer vero e proprio, distinte sia da una differente pavimentazione, che da una differente altezza dei soffitti. Nel foyer é stata creata una scala scenografica che sale al primo piano fino ad un ballatoio ellittico che unisce due ambienti, precedentemente separati che possono essere fruiti sia come un unico spazio, per esposizioni, che come uffici o piccole sale prove, grazie a due pareti separanti di legno a scomparsa

Le lampade sono state disegnate appositamente e disposte a caduta e ad altezze diverse in mezzo alla scala ellittica per valorizzarne la scenograficità. Il quarto lotto riguarda la messa a norma della torre scenica, con la sostituzione del graticcio di scena, la creazione di un sistema di ballatoi e scale per i lavoratori dietro le quinte e la messa in sicurezza della struttura, oltre che l’insonorizzazione e la dipintura delle pareti perimetrali

Il quinto lotto invece interessa la realizzazione dei rivestimenti esterni della torre scenica con rete di filo intrecciato di acciaio inox tesato sui quattro lati, e le pensiline di copertura delle aree di carico e scarico sul retro della torre scenica

Per la hall é stata studiata una pavimentazione in pietra piasentina con composizione a “stella”, composta da soli due moduli diversamente trattati, spazzolato e levigato, e riprodotti in una combinazione precisa e dall’effetto scenico elegante

Un bancone di 5 m accoglie il pubblico diviso in tre zone. Il bancone ha una struttura fissa in legno, verniciato nero effetto gomma opaca dal lato pubblico, che crea una tattilità più calda, in contrasto con quella più fredda del vetro sul piano di lavoro interno

Il nuovo portale d’ingresso é composto da una struttura di travi HEA e rivestito in lamiera di alluminio e vetro. In particolare, la vetrata legata alla cabina di proiezione, che si presenta frontalmente al visitatore, é caratterizzata da una vetrofania rappresentante una famosa scena tratta da Tempi Moderni in cui Charlie Chaplin é il protagonista

Progetto: Studio architetto Giuseppe Camporini e Architetto Francesco Schiavi

GALLERY

Italia
Cultura e Servizi
Restyling

DATI PROGETTO

Tipologia: Cultura e Servizi
Banner Talking about 2019_2 - 300x400
Banner Talking about 2019_2 - 300x250