Materiali e forme tradizionali nel Recupero Rurale. Un nuovo contatto con il Paesaggio

L’intervento dell'Architetto Patrizia Sbalchiero effettuato a Chiaramonte Gulfi in Sicilia, in Provincia di Ragusa, coniuga i materiali e le forme della tradizione per interpretare, in una più moderna chiave, il vivere rurale

Pur mantenendo il carattere originale e la storia, la serie di edifici instabili, bui e abbandonati è stata modificata in una sequenza di spazi adatti al vivere contemporaneo. Pietre, blocchi di tufo, calce, vecchi coppi e canne, fanno parte delle tecniche costruttive di un tempo per realizzare coperture e partizioni verticali

Il bianco del nuovo intonaco e il grigio del pavimento in cemento, elementi comuni all’intera superficie, si sovrappongono alla texture della pietra in un accostamento dove la concretezza del vecchio si fonde con la purezza e la regolarità di linee e volumi più attuali

Non è stato difficile mantenere l’essenzialità e la tipicità dei piccoli spazi contadini che corrispondono, con altre funzioni, alle necessità e allo stile dei proprietari. L’austerità del contenitore è sfondo adatto alla strategia delle luci , che sottolineano la narrazione e la storia della casa. Evidenziano le componenti, la prospettiva, le penombre, i retroscena e i diversi piani

Gli spazi abitativi sono su due livelli differenti, affacciati, consuetudine delle dimore rurali siciliane, su un piccolo cortile. Nella parte più alta un susseguirsi di stanze, infilate una dopo l’altra. Il percorso inizia dall’antico palmento (luogo in cui si produceva il vino e si affumicava la ricotta) rimasto intatto nell’usura del tempo, che ospita il lungo bancone in acciaio della cucina. Poi la sala da pranzo, il soggiorno e la biblioteca. In ultimo si accede alla zona privata, studio, camera e bagno

L’altro livello, destinato un tempo al ricovero degli animali, ospita due ampie camere con bagno, indipendenti tra loro, destinate agli ospiti

Interno ed esterno, zone dell’abitare e della natura, sono in relazione tra loro in modo da instaurare uno stretto legame tra ospite e territorio, orientando scorci e visuali sull’uliveto circostante, con vetrate verso l’aperta campagna. Componente fondamentale del progetto è il riappropriarsi del contatto con il paesaggio e conquistare l’orizzonte ancora libero

Nel rispetto dell’ambiente l’impianto di riscaldamento e raffrescamento a pavimento permette di ridurre al minimo i consumi grazie anche all’ausilio di pannelli solari e fotovoltaici

 

GALLERY

Italia
Edificio Storico
Recupero
PROGETTISTA

DATI PROGETTO

Località: Chiaramonte Gulfi, Italia
Tipologia: Edificio Storico
Arkitecture ADV 03 - 300x400

NEWS

Arkitecture ADV Progettista - 300x250