ARCHITETTURA | Il giardino a sud di Piazza Dante a Trento è stato oggetto di ristrutturazione dello Studio Raro, il cui progetto valorizza la presenza del laghetto con giochi d'acqua e ripensando le aree intorno come luoghi di accoglienza e aggregazione

Il giardino a sud di Piazza Dante è l’area dell’originario “progetto Tamanini” e porta ancora inciso sulla sua superficie il segno dell’antica percorrenza d’acqua.

Quando nel 1955 è stato interrato il canale dell’Adigetto, in superficie è stato realizzato il laghetto, con forme dilatate rispetto alla percorrenza del canale e solcato da un piccolo ponticello perdonale.

Tale presenza viene considerata di notevole importanza, oltre che per il suo riferimento di tipo naturalistico o scenografico, anche per quanto riguarda la sua valenza simbolica ed evocativa, che ci porta a sentire l’antica “presenza” del fiume Adige.

Il progetto prevede quindi di valorizzare la presenza del laghetto con giochi d’acqua e ripensando le sponde come luoghi di accoglienza.

Fotografie di: Studio raro

Articoli

Progettista

Studio raro
Con sede a Trento, lo studio raro fondato nel 2004 da Roberta Di Filippo e Roberto Salvischiani

Seminari on-line