NEWS | Gli italiani sono da sempre molto attenti e sensibili al tema della casa, un bene ritenuto molto prezioso testimoniato dal fatto che il 74% delle famiglie è possessore di un immobile. In questo scenario, la Legge di stabilità rappresenta una vera e propria opportunità da cogliere

Secondo un sondaggio realizzato da Instapro.it ad aprile 2016 su un panel nazionale di oltre 1000 persone tra i 30 e i 65 anni - nella quasi totalità possessori di un immobile - l'87% degli intervistati è a conoscenza della Legge di Stabilità e il 48% ha intenzione di usufruire delle detrazioni fiscali entro il 2016.

Un trend in crescita, se paragonato al 33% del 2015, da cui emerge la fotografia positiva di un'Italia che ha sempre più voglia di investire nella propria casa.
Tra i lavori in casa su cui si punterà maggiormente nel 2016, gli interventi legati all'efficientamento energetico occupano una posizione di rilievo, evidenziando un'attenzione sempre maggiore verso la sostenibilità e il benessere abitativo.

Dal sondaggio emerge che:
- il 25% effettuerà lavori su infissi e serramenti
- il 15% sul riscaldamento
- il 12% sull'isolamento termico
- l'11% sui pannelli solari e fotovoltaici.

Quali le 5 regioni più attive dell'anno?
Il sondaggio svela, inoltre, quali sono le 5 regioni d'Italia più sensibili alle opportunità della nuova Legge di stabilità che hanno in programma interventi ristrutturazione edile:
1 Lombardia
2 Campania
3 Lazio
4 Puglia
5 Piemonte

Detrazione e Ristrutturazione: In sintesi
Grazie alla nuova Legge di stabilità 2016, è possibile usufruire di una detrazione Irpef pari al 50% delle spese sostenute (bonifici effettuati) dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2016, con un limite massimo di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare. Oppure pari al 36%, con il limite massimo di 48.000 euro per unità immobiliare, delle somme che saranno spese dal 1° gennaio 2017. Interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, di restauro e risanamento conservativo, ma anche di ristrutturazione edilizia rientrano tra i lavori soggetti alle agevolazioni.
Inoltre, sono state prorogate fino al 31 dicembre 2016 le detrazioni fiscali del 65% per gli interventi di efficientamento energetico degli edifici.

Articoli

Seminari on-line