ARCHITETTURA | Situato in Plaça Catalunya, questo appartamento ristrutturato da Nook Architects guarda attraverso le generose aperture del balcone, verso le vedute urbane all'esterno, da una posizione privilegiata ai piani alti dell'edificio

Il cliente, stupito dal centro di Barcellona, ​​aveva in mente una distribuzione molto chiara. Voleva una spaziosa dimora per lui come l'occupante principale durante le sue occasionali visite alla città e per ospitare i suoi ospiti. La cucina è al centro di tutto, serve da punto di incontro, più simile ad un bar che ad uno spazio familiare. Doveva essere completata anche da una cantina per più di 600 bottiglie.

La zona giorno è stata realizzata verso queste preziose aperture rivolte al ritmo frenetico della città.
L'intervento comincia assegnando il salotto sullo spazio più esterno, tra la facciata e la prima parete portante, mescolandolo con lo spazio successivo verso l'interno. Questi due spazi erano originariamente separati da una parete portante, che è stata parzialmente portato a creare due grandi aperture che aiutano a riunire entrambi gli spazi. Tutte le attività diurne occupano 60 mq del totale di 118 mq, lasciando il resto delle stanze adiacenti ai due patii dell'edificio.

La camera da letto principale, con un bagno, è vicino all'entrata e si apre al patio più intimo. La vasca e la vanità si fondono con la camera da letto e il grande armadio lo separa dal corridoio. Più in fondo al corridoio è stato realizzato un bagno per gli ospiti con la camera da letto proprio di fronte ad essa, che si apre all'atrio principale della scala della casa. Adiacente alla camera da letto degli ospiti, con accesso diretto alla cucina è la cantina.

C'era una grande quantità di finestre per una distribuzione con una così piccola quantità di stanze. L'appartamento ha 10 aperture all'esterno, tra cui finestre e porte sul balcone. Per aumentare la presenza di queste aperture e per moltiplicare la loro presenza sono stati utilizzati degli specchi per enfatizzare l'architettura dell'inizio del secolo precedente. Nel corridoio, dotato di 3 ampie finestre che si affacciano sull'atrio dell'edificio, sono stati inseriti pannelli specchiati molto grandi per moltiplicare le viste e dare allo spazio un carattere più diafano. Tale è lo stesso con la restante parte della parete portante che è stata abbattuta, scomparendo sullo specchio verticale e singolo. In questo caso, lo specchio dissolve il muro, portando l'attenzione sulle due porte del balcone e permette al cuoco di controllare gli scaffali dietro di lui mentre intrattiene i suoi ospiti.

I soffitti alti hanno permesso di posizionare finestre orizzontali che portano alla luce alle aree più buie dell'appartamento, rendendo ogni spazio più arioso senza compromettere la privacy.

Il progetto ha recuperato le caratteristiche originali dei materiali, come le lastre in ceramica, le lastre di ceramica e le travi di ferro nei soffitti. I restanti sono materiali nobili: legno, granito, acciaio e vetro, tutti in toni neutri, ad eccezione del granito utilizzato in cucina e bagni. Il granito Stromboli acuista un ruolo forte all'interno dello spazio con il suo carattere scuro e nero per le sue strisce d'oro, in contrasto con le tonalità chiare del pavimento esagonale, tipico dell'ampliamento.

Le finiture contemporanee e calde evidenziano l'ambiente originale, che viene modificato solo per riportare uno spirito più veritiero all'architettura dell'edificio e per consentirgli maggiore comfort ed uno stile di vita adeguato ad oggi.

Fotografie di: Nieve | Productora Audiovisual

Articoli

Progettista

Nook Architects
Gli Architetti Ana García, Joan G Cortés e Rubén F Berenguer fondano nel 2011 uno studio di architettura, urbanistica e design d'interni

Seminari on-line