ARCHITETTURA | L22 progetta il restyling della Canottieri Olona 1894, punto di riferimento milanese per lo sport e il tempo libero, accompagnando la struttura nel suo piano di rilancio e di apertura alla città con un progetto all’insegna di pulizia e trasparenza

La Canottieri Olona 1894 di Milano, punto di riferimento milanese per lo sport e il tempo libero, è oggetto di un profondo restyling a cura dello studio L22 che accompagna la struttura nel suo progetto di rilancio rivisitando il layout funzionale e spaziale dell’impianto mirando a un potenziamento e ampliamento degli spazi e valorizzando relazione e continuità tra interno ed esterno.

Migliore ricettività
Il restyling complessivo ha l’obiettivo di migliorare la qualità e la ricettività del centro sportivo e dell’annesso ristorante, garantendo efficienza energetica ed eliminando le barriere architettoniche. Il piano di rilancio prevede un intervento significativo di riqualificazione dell’intera struttura, per un migliore utilizzo degli spazi dedicati ai circa 4.000 utenti che ogni anno frequentano il centro.

Facciata in lamiera
Il primo elemento di connessione tra interno ed esterno è la nuova facciata in lamiera stirata. Nel nuovo disegno dell’ingresso ha grande importanza la pensilina che garantisce un accesso protetto al centro. Con il nuovo sistema di porta scorrevole che sostituisce la vecchia bussola si ottiene un significativo aumento dello spazio vivibile dedicato all’accoglienza garantendo una buona gestione di ingressi e uscite.

Il nuovo piano ammezzato
Per accogliere sia le persone del luogo, sia gli ospiti del centro, il piano ammezzato viene ripensato. Al piano si accede tramite l’ampia scalinata dell’ingresso pedonale che conduce alla lobby, spazio centrale dove si trova la reception, la sala convegni, il nucleo scala/ascensore, l’ingresso alla piscina e il percorso distributivo principale.

La palestra sul Naviglio
La prima modifica che avvia la trasformazione del club è la ricollocazione della palestra, dal piano seminterrato al primo piano. Questo spostamento garantisce da subito una migliore qualità dello spazio fitness, che ora vanta un' illuminazione naturale e un affaccio diretto sul Naviglio Grande.

Atmosfera industriale
La zona ristorazione è caratterizzata da un nuovo spirito dal forte sapore industriale in cui gli ampi ambienti sono resi più intimi da una palette di neri, grigi, marroni illuminata dalla luce proveniente dalle ampie vetrate. Sedute e sgabelli si accompagnano ad arredi custom come i tavoli in legno di rovere con basamento in metallo e il vasto bancone bar rivestito in legno con il piano superiore in vetro.

Ambienti vivibili e luminosi.
Il pavimento in caldi listoni di legno fa da contraltare all’immagine post-industriale del soffitto nero e degli impianti a vista, anch’essi neri. La cucina si apre sulla sala da pranzo, e la spazialità del locale è definita dalla luce proveniente dal Naviglio e, sul lato interno, dal patio esterno caratterizzato da isole di verde e di relax, con luci d’atmosfera. Nascono ambienti vivibili e luminosi.

L22 sceglie una progettazione classica e funzionale, combinando dinamicamente gli elementi architettonici che si animano all’interno degli spazi in maniera differenziata in funzione delle destinazioni d’uso.

Fotografie di Dario Tettamanzi

Articoli

Progettista

Lombardini 22
Gruppo leader nello scenario italiano dell’architettura e dell’ingegneria, opera a livello internazionale attraverso cinque brand.

Seminari on-line