ARCHITETTURA | La trasformazione in appartamenti di due blocchi residenziali situati a Shanghai, realizzata dagli Architetti dello studio Kokaistudios, comprende l'architettura, il paesaggio e l'interior design. Sono riformulati nel contesto più ampio della rigenerazione e ri-naturalizzazione dei centri urbani. Un esercizio intorno al tema del lusso micro-appartamenti

I bassi appartamenti residenziali si sono presentati a Shanghai per effetto delle riforme economiche introdotte dal governo alla fine degli anni '70, spesso a costo dell'erosione del tappeto coerente di case di corsia così caratteristiche del centro storico della città.

Divenne rapidamente la tipologia di questa fase iniziale della densificazione urbana, il primo passaggio verso un modello di densità urbana superiore che avrebbe portato, a partire dalla fine degli anni '80, all'esplosione verticale della città. Spesso mancanti sia dell'eleganza decorata delle case di corsia e dell'imponente scala dell'elevato saliscendi, questi blocchi di abitazioni costituiscono una presenza inconsapevole e diffusa che pepe in Shanghai il più antico tessuto urbano.

La ristrutturazione di due blocchi residenziali a due gemelli ubicati nel cuore dell'ex Concessione Francese, ripristinata come appartamenti di prestigio di alta qualità, ci ha offerto l'opportunità di ripensare questa tipologia, rielaborandola nel contesto più ampio della rigenerazione del centro di Shanghai.

Oltre ad un più standard processo di rinnovamento della facciata che ha riportato alla vita gli originali decorazioni e modanature mosaiche degli edifici, abbiamo sviluppato un sistema modulare di facciata "add-on" sviluppato senza soluzione di continuità lungo le facciate dei due edifici, i loro tetti e gli spazi aperti tra loro, collegando l'architettura e le aree all'aperto sotto un semplice gesto unificante.

Lungi dall'essere semplicemente formale, questo "codice a barre" assolve molteplici funzioni, offrendo ombra sopra cortili e terrazze sul tetto, la prima trasformata in spazi verdi per il quartiere, quest'ultimo in ponti esclusivi per i nuovi appartamenti, creando un rifugio discreto per le unità air-con precedentemente stoccate le facciate, e sostenendo l'illuminazione delle facciate, trasformando una facciata anonima in un occhio che cattura punto di riferimento e un dispositivo branding di notte.

Costruiti in legno naturale e in scatole di acciaio grezzo, in linea con una ricerca di semplicità organica e organica che condividiamo con il nostro cliente, questi schermi verranno coperti in tempo con piante da arrampicata che crescono da piantagioni installate sulle terrazze del tetto e nei cortili, trasformandoli nel "codice a barre verde" abbiamo immaginato come uno strumento fattibile e conveniente per la ri-naturalizzazione dei centri urbani contemporanei.

Legno naturale e acciaio grezzo riappare come un motivo di lusso negli interni spazi pubblici, corridoi e scalinate. Il design degli interni degli appartamenti era in sé un esercizio di lusso in dimensioni estremamente limitate. Kokaistudios sviluppa tre diverse tipologie, ciascuna di 40mq, completamente attrezzate per un soggiorno medio-lungo.

Oltre agli spazi abitativi, i residenti possono godere di un centro business condiviso, di una sala riunioni, di una sala da discoteca con dispensa indipendente completamente attrezzata e di un'esclusiva terrazza sul tetto di 200 mq completa di cucina, barbecue e solarium.

Fotografie di: Charlie Xia

Articoli

Progettista

Kokaistudios
Kokaistudios è un'architettura di prestigiosi riconoscimenti e società di design d'interni fondata nel 2000 a Venezia dagli architetti italiani Filippo Gabbiani e Andrea Destefanis.

Seminari on-line