ARCHITETTURA | Un edificio in pietra nel centro storico di San Quirino, in Provincia di Pordenone, in stato di degrado è oggetto dell'intervento degli Architetti dello studio Elastiscopa+3 che lo trasformano in architettura contemporanea

Primo intervento di un P.d.R. in un’area nel centro storico del paese, occupata da alcuni edifici in avanzato stato di degrado.

La struttura originaria - non priva di alcuni elementi di pregio quali le pareti in sassi ed il porticato ad archi - è stata considerata come un involucro al cui interno nasce un nuovo organismo, caratterizzato da un’aggregazione di volumi scatolari che, slittando tra loro a diversi livelli, creano spazi complessi.

Le scatole in cemento armato a vista si manifestano in modi diversi all’esterno: rompendo in alcuni punti l’involucro originario e aggettando, fermandosi a filo della parete in sassi, occupando parte del portico.

Il prospetto frontale rimane inalterato, gli archi mantenuti nelle dimensioni originarie così come le finestre del primo piano.

La coesistenza di linguaggi architettonici così distanti dà grande risalto alle preesistenze, evitando in modo categorico imitazioni e mimetismi.

All’interno, la freddezza del cemento a vista delle scatole si alterna a pareti rivestite in legno e, dove possibile, alla muratura in sassi recuperata.

Alla luce che entra dalle ridotte finestre originarie, si affianca quella che attraversa le ampie vetrate ricavate nei muri nuovi.

Fotografie di: Betta Crovato

Articoli

Progettista

ELASTICOSPA - Stefano Pujatti Architetti
ELASTICOSPA nasce nel 2005 per iniziativa dell’architetto Stefano Pujatti.

Seminari on-line